Csc Confindustria: Congiuntura Flash, Note e Infografiche – Anno 2023

Documenti redatti nel corso del 2023 dal Centro Studi Confindustria

In allegato sono riportati – in ordine di data di pubblicazione – i Comunicati, le Note congiunturali e le Infografiche redatte nel 2023 dal Centro Studi Confindustria sull’andamento dei settori industriali italiani e, più in generale, sull’economia italiana.

I documenti diffusi dal CSC nel corso del 2022 e del 2021 sono invece consultabili nella sezione Centro Studi / Congiuntura del settore.

Per ulteriori informazioni:
l.ariazzi@confindustriamoda.it
Centro Studi Confindustria Moda
per Assocalzaturifici


SCARICA GLI ALLEGATI:

Congiuntura Flash_01 _ Gennaio 2023
Congiuntura Flash_02 _ Febbraio 2023
Congiuntura Flash_04 _ Aprile 2023
Congiuntura Flash_05 _ Maggio 2023
Congiuntura Flash_06 _ Giugno 2023

Nota CSC n01-2023_Salari e produttività_100623_Confindustria
Tra il 2000 e il 2020 nel manifatturiero italiano i salari reali sono cresciuti del 24,3%, pressoché in linea con produttività del lavoro (22,6%). La crescita dei salari reali è stata simile in Francia e superiore a Germania e Spagna dove la produttività del lavoro è cresciuta molto più che in Italia.
Ciò implica una netta perdita di competitività per il nostro manifatturiero, ma anche l’erosione della quota di valore aggiunto che va a remunerazione del capitale (il rapporto margine operativo lordo e valore aggiunto nel manifatturiero è sotto quello medio nell’Eurozona dal 2004).
Nel biennio 2021-2022 l’aumento dei prezzi ha eroso i salari reali mentre la produttività ha tenuto. Nei prossimi anni i salari recupereranno potere d’acquisto in virtù del meccanismo contrattuale. Nello stesso periodo, i margini di profitto in altri paesi dell’Area euro sono cresciuti, mentre in Italia hanno registrato una contrazione.

Congiuntura Flash_07 _ Luglio 2023

Rallenta la crescita dell’economia italiana, sorretta dai servizi, ma frenata dai tassi elevati. L’inflazione è meno alta, ma le Banche Centrali alzano i tassi ai massimi, e il credito è in ripiegamento perché troppo caro. In Italia i servizi sono trainati dal turismo, l’industria è debole, le costruzioni in calo. Gli investimenti sono frenati, i consumi incerti, mentre l’export di beni è in riduzione. La Germania è in recessione, secondo i previsori sarà di breve durata. Gli USA restano in crescita, viceversa la Cina rischia la deflazione.

Nota CSC n02-2023_Catene fornitura_010823_Confindustria 

Nota CSC n03-2023_Indagine Confindustria Lavoro 2023_dati 2022_020823_Confindustria

Risultati di sintesi relativi all’indagine sul mercato del lavoro anno 2023, che fornisce informazioni per il 2022 e inizio 2023 su struttura dell’occupazione e politiche aziendali di gestione del lavoro nelle aziende associate del Sistema Confindustria. 

Nota CSC n04-Strategie internazionali imprese italiane_090923_Confindustria

In aumento le imprese manifatturiere italiane che scelgono fornitori domestici.
L’aumento delle tensioni geopolitiche, la diffusione della pandemia e l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia hanno messo in evidenza le fragilità delle profonde interdipendenze produttive e di fornitura a livello globale e stanno spingendo le imprese verso una riconfigurazione delle catene di fornitura.  

Congiuntura Flash_09 _ Settembre 2023

Prezzi e tassi alti bloccano l’economia italiana. L’inflazione è in lento calo, i tassi ancora in rialzo ma forse a fine corsa, c’è meno credito e meno liquidità. Molti più interessi da pagare per le famiglie italiane. Nei servizi si è esaurita la ripresa e l’industria è in sofferenza. Giù la domanda interna in Italia e anche l’export è in riduzione, ma con un miglioramento in agosto. L’Eurozona è quasi ferma, mentre gli USA sono in crescita e vanno bene gli emergenti.

Congiuntura Flash_11 _ Novembre 2023

Scende l’inflazione in Italia, ma i tassi sono alti e forse non ancora fermi, perciò il credito è troppo caro e meno disponibile. La crescita dell’economia italiana è ferma: i servizi sono in flessione e l’industria ancora debole. Gli investimenti vanno giù, i consumi sono quasi fermi, meglio l’export ma le prospettive non sono buone. L’Eurozona è vicina allo zero, la Cina stanzia 137 miliardi di stimoli, mentre negli USA sorprende in positivo la crescita nel 2023.

Congiuntura Flash_12 _ Dicembre 2023

L’inflazione è rientrata, ma i tassi sono ancora alti e l’economia è debole. Ancora in difficoltà sia i servizi, sia l’industria, che vede qualche luce. Il credito caro frena gli investimenti, mentre il mercato del lavoro non spinge i consumi. Il turismo da record tiene a galla l’economia italiana nel 2023. Faticosa la ripresa dell’export italiano, a fronte di consumi in fragile risalita nell’Eurozona. L’economia USA è in buona salute, gli emergenti quasi tutti in crescita.